La prima musica che ho creato

La prima musica che ho creato

Parliamo di musica

Era il lontano 2005 quando affrontavo l’uscita dall’adolescenza tra mille pensieri per la testa, e l’anno di scuola che avevo perso non era bastato per farmela mettere a posto; passavo le ore scolastiche a disegnare, a immaginare un futuro in cui sfondavo come chitarrista e, come ogni ragazzo etero in quegli anni, alle ragazze che avrei potuto conoscere se solo fossi stato meno timido.

In quegli anni conobbi diverse persone che come me suonavano la chitarra, meglio di me, da cui ho imparato tanto, e in qualche modo mi hanno spronato a pretendere sempre di più dalla mia vita artistica. Così, a tempo perso, ispirato dal mio passato, dalle persone che conoscevo e dai musicisti che mi piaceva ascoltare, cercavo dei modi per scrivere musica a computer, per registrarmi e poter sentire che cosa stessi suonando con la chitarra.

Son sempre stato di poche parole, così ho sempre avuto una forte inclinazione verso la musica strumentale, che è la musica delle persone che hanno mille cose da dire (e magari non sanno farlo in altri modi) e hanno bisogno di una colonna sonora per dar voce ad un periodo o ad un pensiero. Componevo musica strumentale per me, e questo mi ha sempre riempito il cuore.

La prima musica che scrissi si chiamava “come un raggio di sole”, ed erano solo 4 accordi di accompagnamento, sul qualche si svolgeva tutto il motivo strumentale della chitarra elettrica solista. Negli anni successivi, imparando a utilizzare meglio software di Music Making ed editing, modificai ancora questa composizione in mille modi, cambiandole il titolo in “love for you”, e nel 2012 la depositai in SIAE, definendola e decidendo di non metterci più le mani sopra. Fu una grande soddisfazione personale. Non ambivo più a diventar famoso, ma migliorarmi, volevo creare sempre più musiche per sentirmi appagato, per creare delle colonne sonore della mia vita e per lasciare un piccolo segno di me in questo mondo.

Vi lascio ascoltare “love for you”, che come al solito trovate in alto.
Grazie di essere passati

marcos pintor

Marcos

Condividi l'articolo se ti è piaciuto

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Torna su